Roberto Piana ad Amburgo per Sardinia_Moving_Arts

Procede il cartellone di concerti di Sardinia_Moving_Arts con il recital del pianista Roberto Piana ad Amburgo il 6 Novembre del 2020.

Il programma prevede musica di G.Ricordi (1840-1912), R.Piana (1971), L.Silesu (1883-1953), E.Granados (1867-1916), I.Albeniz (1860-1909), J.Turina (1882-1949).

Il pianista sassarese Roberto Piana

Il programma del recital di Roberto Piana prende in esame due distinte tematiche: la musica italiana e la musica spagnola nel periodo a cavallo tra il XIX e il XX secolo.
Due civiltà che spesso hanno dato vita ad un dinamico confronto, ad una poetica condivisa, fino ad una vera e propria contaminazione di linguaggi. In questo ideale viaggio musicale l’Italia è rappresentata in larga misura dalle composizioni dei sardi
Lao Silesu e Roberto Piana ma anche dal lombardo Giulio Ricordi. Ciò offre l’occasione di ascoltare pagine perlopiù sconosciute (alcune in prima esecuzione assoluta ad Amburgo) e di gettare luce su figure importanti e non sufficientemente indagate, come quella di Lao Silesu, compositore apprezzato da suoi illustri contemporanei quali Giacomo Puccini, Gabriele D’Annunzio, Enrico Caruso (interprete delle sue canzoni) e da quella di Giulio Ricordi, ben noto nelle sua principale attività di editore ma non in quella di compositore, valido e particolarmente prolifico. 
La seconda parte del recital è dominata da tre autorità musicali, tra le massime non solo del periodo tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento ma dell’intera storia musicale iberica: Isaac Albéniz, Enrique Granados e Joaquín Turina. Rappresentanti di una cultura che custodiva e onorava le proprie radici ma che mostrava, come ne caso specifico di Joaquín Turina, disponibilità e curiosità verso espressioni artistiche diverse, allacciando contatti con compositori quali Maurice Ravel e Claude Debussy.
Infine, un più sottile fil rouge che imbastisce l’intero programma ha come oggetto la rievocazione dell’immagine attraverso i suoni. Tutte le composizioni infatti, seguendo un proprio percorso creativo e una propria percezione, riconducono ad una
rappresentazione visiva del soggetto proposto. Dalle rievocazioni pittoresche di Albeniz alle cartoline liberty e un po’ sbiadite di Giulio Ricordi, dai richiami coreografici di Turina fino al manifesto omaggio di Piana per le grandi opere pittoriche del Novecento.

La scheda dell’evento su Facebook è raggiungibile da questo link:
https://www.facebook.com/events/420070835645338

Il concerto è organizzato con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura all’estero, Brilliant Classics, Giuseppe Guagliardo Guitars, Les Productions d’OZ, Portale Sardegna.

Ulteriori informazioni sulla APP ufficiale della manifestazione all’indirizzo sardiniamovingarts.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *